Patto educativo di corresponsabilità

Patto educativo di corresponsabilità (clicca per scaricare il file in formato pdf)

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ

(ai sensi del DPR 245/2007)

 

La scuola è l’ambiente di apprendimento in cui promuovere la formazione di ogni studente, la sua interazione sociale, la sua crescita civile. L’interiorizzazione delle regole può avvenire solo con una fattiva collaborazione con la famiglia; pertanto la scuola persegue l’obiettivo di costruire una alleanza educativa con i genitori, mediante relazioni costanti nel rispetto dei reciproci ruoli. Pertanto

I GENITORI/AFFIDATARI, L’ALLIEVO, IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Visto il D.M. n. 5843/A3 del 16 ottobre 2006 “Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità

Visti i D.P.R. n.249 del 24/6/1998 e D.P.R. n.235 del 21/11/2007 “Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria

Visto il D.M. n.16 del 5 febbraio 2007 “Linee di indirizzo generali ed azioni a livello nazionale per la prevenzione del bullismo

Visto il D.M. n.30 del 15 marzo 2007 “Linee di indirizzo ed indicazioni in materia di utilizzo di telefoni cellulari e di altri dispositivi elettronici durante l’attività didattica, irrogazione di sanzioni disciplinari, dovere di vigilanza e di corresponsabilità dei genitori e dei docenti

Vista la legge n. 107 del 13/07/2015  “Il piano triennale dell’offerta formativa assicura l’attuazione dei principi di pari opportunità, promuovendo nelle scuole di ogni ordine e grado l’educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni, al fine di informare e di sensibilizzare gli studenti, i docenti e i genitori sulle tematiche indicate dall’articolo 5, comma 2, del decreto-legge14 agosto 2013, n. 93, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 ottobre 2013, n. 119

Vista la circolare prot. AOODPIT n. 1972 del 15/09/2015 “Chiarimenti e riferimenti normativi a supporto dell’art. 1 comma 16 legge 107/2015

STIPULANO

il seguente Patto Educativo di Corresponsabilità finalizzato a definire in maniera puntuale e condivisa diritti e doveri nel rapporto tra Istituzione Scolastica autonoma, famiglie e studenti.

Il rispetto del Patto costituisce la condizione indispensabile per costruire un rapporto di fiducia reciproca, per conseguire le finalità dell’Offerta Formativa e per sostenere gli studenti per il successo scolastico.

Con il presente atto

LA SCUOLA SI IMPEGNA A:

LA FAMIGLIA SI IMPEGNA A:

  • realizzare i curricoli disciplinari nazionali e le scelte progettuali, metodologiche e pedagogiche elaborate nel P.O.F., tutelando il diritto ad apprendere;
  •  favorire un clima sereno e corretto, agevolando lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze, la maturazione dei comportamenti e dei valori, il sostegno nelle diverse abilità, l’accompagnamento nelle situazioni di disagio, la lotta ad ogni forma di pregiudizio e di emarginazione;
  •  procedere alle attività di verifica e di valutazione in modo congruo rispetto ai programmi e ai ritmi di apprendimento, chiarendone le modalità e motivando i risultati;
  •  comunicare con le famiglie, in merito ai risultati, alle difficoltà, ai progressi nelle discipline di studio oltre ad aspetti inerenti il comportamento e la condotta;
  •  prestare ascolto, attenzione, assiduità e riservatezza ai problemi degli studenti;
  •  creare un “clima scolastico positivo” che favorisca:

–   la relazione efficace tra il personale della scuola, tra studenti e operatori della scuola, tra famiglia e operatori della scuola.

–   l’integrazione e l’inclusione di tutti gli studenti, specie se con diversità culturali o diverse abilità;

–   motivare ciascun alunno e il gruppo classe allo studio individuale e collettivo;

–   promuovere l’impegno personale e collettivo;

–   assumersi la responsabilità di quanto deliberato negli organi collegiali.;

–   mantenere e far crescere la buona immagine della propria Scuola;           

Ø fare rispettare le norme di comportamento, i regolamenti ed i divieti, prendendo adeguati provvedimenti disciplinari in caso di infrazioni, secondo quanto previsto dal Regolamento d’Istituto.

  •  riconoscere alla scuola pubblica il ruolo formativo, istruttivo, educativo;
  •  partecipare alle riunioni previste, in particolare quelle all’inizio dell’anno nel corso delle quali vengono illustrati il P.O.F., il regolamento della scuola, le attività che saranno svolte;
  •  nell’anno (interventi di sostegno, di recupero, sportello didattico, ecc.);
  •  conoscere e prendere visione del Piano dell’Offerta Formativa, del Regolamento della scuola e dello Statuto delle Studentesse e degli Studenti e rispettarli;
  •  collaborare costruttivamente con il dirigente e con i docenti per l’istruzione dei propri figli;
  •  collaborare con la scuola per sostenere l’apprendimento delle regole di convivenza dei figli;
  •  collaborare con la scuola, controllando sistematicamente:
    • –   la frequenza scolastica (rispettare l’orario d’ingresso, limitare le uscite anticipate, giustificare le assenze, ecc..).
    • –   il libretto delle comunicazioni scuola/famiglia.
    • –   lo svolgimento dei lavori assegnati ai propri figli.
    • –   il rispetto delle regole della scuola (divieto dell’uso dei telefoni cellulari, divieto di fumo, ecc.).

–   divieto di fumo a scuola e nelle aree di pertinenza.

–   la partecipazione responsabile alle attività e alla vita della scuola.

  •  risarcire la scuola per i danneggiamenti arrecati alle strutture, agli arredi e alle attrezzature e qualora derivassero da dolo o mancata osservanza delle consegne;
  •  rispettare quanto previsto nel presente Patto di corresponsabilità e nel Regolamento d’Istituto;
  •  mantenere e far crescere la buona immagine della propria scuola.

LO STUDENTE SI IMPEGNA A:

  •  conoscere gli obiettivi formativi e gli obiettivi specifici contenuti nel Piano dell’Offerta Formativa;
  •  rispettare quanto previsto nel regolamento di Istituto, con particolare riferimento alla parte relativa al “regolamento di disciplina degli alunni”:
    • ­   lasciare l’aula solo se autorizzati dal docente, limitando le uscite ai casi di effettiva necessità e non attardandosi per il rientro in classe;
    • ­   non usare telefonini ed altri dispositivi elettronici durante lo svolgimento delle lezioni;
    • ­   divieto assoluto di fumo nella scuola e nelle aree di pertinenza;
    • ­   deporre carte o altri rifiuti negli appositi contenitori;
    • ­   non utilizzare negli ambienti scolastici liquidi contenuti in lattine o bottigliette di vetro;
    • ­   intervenire durante le lezioni in modo ordinato e pertinente;
    • ­   rispettare l’orario d’ingresso a scuola (ore 08.15 max ore 08.20);
  •  rispettare se stesso, il dirigente, i docenti, il personale ausiliario, tecnico ed amministrativo ed i compagni osservando le regole della convivenza nel gruppo;
  •  rispettare l’igiene personale, indossare abiti consoni all’ambiente scolastico, usare un linguaggio adeguato al contesto scolastico, mai scurrile;
  •  essere puntuale ed assiduo nel rispettare le consegne di lavoro a scuola e a casa;
  •  rispettare i locali scolastici, gli arredi, le attrezzature, ecc..;
  •  assumersi la responsabilità delle proprie azioni;
  •  rispondere delle conseguenze in caso di condotte contrarie alla buona convivenza;
  •  riferire tempestivamente in famiglia le comunicazioni provenienti dalla scuola e dagli insegnanti;
  •  mantenere e far crescere la buona immagine della propria scuola.

In base a quanto disposto dall’art. 3 del D.P.R. 235/2007, il presente Patto Educativo di Corresponsabilità è parte integrante del Regolamento d’Istituto.

 

Firme per accettazione

I Genitori / Affidatari                                                                                                        Lo studente/la studentessa

______________________                                                                           ______________________________

 

 

Il Dirigente Scolastico

Prof.ssa Rosa Rosanna